Suore della Provvidenza Scampia

Video per il progetto: Filo di Arianna.

Il video descrive il lavoro delle Suore della Provvidenza di Scampia durante il tragico momento del Covid-19, un inno alla rinascita e al lavoro svolto per non dimenticare mai di sorridere.

Associazione Guscio di Noce:

In questi giorni abbiamo attivato anche un quiz a distanza con 2 o 3 concorrenti! In allegato i Quiz proposti ai conocorrenti.

Presentazione RIC-LUDO-JOSE

Presentazione Jose – Chiara – Albi

Associazione di Volontariato S.Francesco:

L’Associazione si propone di sostenere ed affiancare la persona disabile e la sua famiglia nei momenti di bisogno, necessità e disagio, sia fisico che psicologico. Si evidenzia che ogni sabato pomeriggio , presso un locale appositamente attrezzato e messo a disposizione dalle Suore della Provvidenza di Belvedere di Tezze sul Brenta, si accolgono delle persone disabili e vengono posti in essere momenti ricreativi e di socializzazione di varia natura, sostituendosi ai familiari e dando quindi loro modo di disporre di un pò di tempo libero. Nel corso di tali incontri i volontari organizzano attività di tempo libero, svago e laboratori per la realizzazione di oggetti e manufatti .

PIEGHEVOLE PDF:

Pieghevole

PAGINA FACEBOOK:

https://www.facebook.com/Associazione-di-Volontariato-S-Francesco-2227393347484082/

Suore della Provvidenza Scampia:

In queste settimane di pandemia globale a causa del Coronavirus,, come, Suore della Provvidenza e Associazione C.E.Lu.S attive su territorio da oltre 30 anni insieme alla rete di associazioni del quartiere, e volontari, continuiamo e rimaniamo a contatto con le fasce più vulnerabili della popolazione, in particolare le comunità rom residenti nei campi, vittime di sistematiche discriminazioni e violazioni dei diritti umani, non solo, ma anche delle famiglie italiane residenti nel nostro rione popolare, in particolare bambini, giovani e donne, colpite da una cronica disoccupazione e normalmente esclusi dai circuiti lavorativi e sociali, per creare una rete di solidarietà che si occupi di chi vive ai margini, in baracca, in luoghi remoti. Queste fasce di popolazione hanno bisogno, come noi tutti, di tutto, beni alimentari, medicine, e anche supporto morale. Come rete cerchiamo di tenere alta l’attenzione e le sensibilità di tutti e di ciascuno per sostenere in questo momento preciso quanti vivono sulla soglia della sopravvivenza e rischiano di non farcela. Per garantire la sopravvivenza per le comunità del territorio dell’area nord di Napoli, Scampia in particolare,grazie ai contributi di Mission Bambini ,Unione Buddisti Italiani,singoli donatori, siamo riusciti a raggiungere circa 1000 persone, con una altissima percentuale di minori e giovani. Sono state settimane dure che ci hanno visti far fronte alle tante richieste di aiuto arrivate al nostro Centro e al furto del furgone del Giardino dei mille colori oltre ad altri gravi danni. Furgone con il quale non solo si faceva la spesa per le famiglie colpite dall’#emergenza, ma che portava i bambini e le bambine del “Centro Educativo” oltre i confini del quartiere.

E’ per questo che continuiamo ad essere viva presenza della Provvidenza che è sempre presente e vicina nella vita dei suoi figli.

Associazione Guscio di Noce:

Presentazione della Chef: Maria Letizia Ceselli

L’Associazione Guscio di Noce è lieta di presentare Maria Letizia Ceselli, la Chef che collabora con Guscio da circa 3 anni con un laboratorio tra i più apprezzati da Ragazzi ed Educatori.

Associazione Guscio di Noce:

il lavoro educativo e l’accompagnamento delle famiglie al tempo del coronavirus.

L’Associazione Guscio di Noce APS Onlus opera a favore di giovani con disabilità psicosensoriale e autismo. Il nostro obiettivo è sviluppare per i giovani accolti percorsi di inclusione sociale in realtà accoglienti del territorio. Il lavoro è organizzato in laboratori adeguatamente strutturati sia all’interno del nostro centro diurno, sia all’esterno, in spazi e ambienti messi a disposizione da altre Associazioni o Enti con cui lavoriamo in collaborazione.

Il 9 marzo l’emergenza Coronavirus ci ha costretto a chiudere il centro diurno Binario 18.

All’improvviso il lavoro così come lo abbiamo portato avanti in questi anni è stato interrotto.

I ragazzi a casa, gli educatori a casa, i collaboratori a casa. Subito ci siamo chiesti: quale l’impatto sulle persone coinvolte, quali le conseguenze, come essere di aiuto, come continuare, seppur con ritmi diversi, il cammino di crescita avviato con i giovani accolti in Guscio e il loro nucleo familiare?

Abbiamo trascorso circa due settimane per riorganizzarci e poi siamo ripartiti con una modalità nuova, sperimentale, che ha avuto bisogno di aggiustamenti continui e che, allo stesso tempo, ha permesso di far emergere in ognuno di noi nuove potenzialità e risorse.

Gli interventi sono stati su 2 filoni: ragazzi, famiglie.

Per i ragazzi abbiamo individuato alcune priorità: non far perdere le abilità e competenze acquisite negli anni a Guscio di Noce, non rallentare il percorso di crescita umana e di autodeterminazione, non interrompere la rete di relazioni amicali creata nel tempo tra i ragazzi di Guscio e gli educatori.

Per le famiglie è stata subito evidente la necessità di un supporto nella gestione della quotidianità con il proprio figlio diversamente abile.

Interventi avviati:

Gli educatori, coadiuvati dalla coordinatrice del lavoro educativo, hanno realizzato alcuni video che sono stati inviati a tutti i ragazzi. Per le caratteristiche dei nostri ragazzi è necessario parlare lentamente e inserire i sottotitoli.

Una volta a settimana tutti i ragazzi, con il supporto delle loro famiglie, e gli educatori e la coordinatrice fanno una video conferenza (con ZOOM) della durata di circa un’ora. Lo scopo è quello di ritrovarsi insieme, salutarsi, raccontarsi di queste giornate casalinghe. I ragazzi, felicissimi di rivedersi, rimangono concentrati e attenti tutto il tempo. Una volta a settimana la coordinatrice degli educatori e a turno un educatore contattano i ragazzi singolarmente e ad ognuno propongono attività specifiche, da svolgere quanto più possibile in autonomia, in linea con il proprio progetto educativo e quindi interessi e possibilità. Ogni settimana circa le famiglie hanno la possibilità di un colloquio con l’equipe che si occupa del loro accompagnamento per confrontarsi su difficoltà o necessità e per verificare insieme la proposta educativa offerta da Guscio al proprio figlio/a.

Suore della Provvidenza Scampia

Buongiorno
Continuiamo  a distribuire pasti settimanalmente alle famiglie in
difficoltà.
abbiamo chiesto un contributo alla unione italiana Buddisti
rispondendo ad un loro bando.
Siamo stati selezionati e ci hanno accreditato 10.000 euro. La
Provvidenza ha tanti nomi!!!
Possiamo cosi continuare  a dare risposte  alle nostre famiglie in
questa difficile emergenza.
Cordiali saluti
La comunità di Scampia

Notizie dal Nazareno di Gorizia

Sono stati installati 5 Container (capienza 20 persone) e 2 bagni per gestire l’emergenza Covid-19 per i ragazzi immigrati.

I ragazzi sono 118 e sono tutti in ottime condizioni di salute.

Suore della Provvidenza Scampia

Riceviamo e pubblichiamo con piacere la testimonianza che la nostra comunità di Scampia ci ha inviato per documentare come anche in questo momento assieme ad altri soggetti riescono ad essere vicini alla comunità locale Rom.
Nella sezione “Galleria Immagini” si trova tutto il materiale inviato.